Venerdì, Dicembre 15, 2017
Follow Us

liste degli esportatori autorizzati verso la Russia

Inserimento nelle liste degli esportatori della Federazione RussaNell’ambito del commercio mondiale, grazie anche a varie organizzazioni a tutela della salute dei consumatori (FAO, OMS, OIE, WTO), tra i compiti dei governi  ha assunto grande importanza la tutela della salute  pubblica garantendo la sicurezza dei prodotti (soprattutto alimentari) al fine di prevenire la diffusioni di malattie trasmittibili. Anche nella Federazione Russa  le norme sanitarie emanate dal Governo e le relative attuazioni degli apparati statali, primo tra tutti il  Rosselkhoznadzor, (Ente a qui spetta la tutela e la salvaguardia della salute pubblica) si muovono in tal senso sia nell'ambito certificativo (Gost) che nell'ambito della prevenzione (trattati con altri stati).

Il campo delle malattie trasmittibili e’ oggetto di particolare attenzione da parte di tutti i governi  del mondo al fine di evitare le trasmissioni di epidemie  che avrebbero conseguenze catastrofiche sulla salute dei popoli oltre ad un considerevole  costo sociale e di immagine.

Ovviamente in un periodo di commercio mondiale il primo sistema di una eventuale trasmissione di malattie risulta essere proprio i prodotti destinati all'alimentazione umana (in maniera diretta o indiretta).

Al fine di prevenire la trasmissione di malattie  tramite i prodotti alimentari si sono rese necessarie dunque tutta una serie di normative di controllo e di certificazione che attestino la conformita' del  luogo di produzione e la corrispondenza dello stesso  alle norme sanitarie (nazionali o europee).

Ma anche questo non e' sembrato abbastanza (basti pensare ad una azienda che abbia degli stabilimenti produttivi al di fuori del territorio CEE e quindi con normative sanitarie praticamente inesistenti). A tal proposito si e' fatto in modo di far confluire in un unico contesto il sistema legislativo del paese di export con il sistema legislativo del paese di import  al fine di determinare  la produzione  verso una confomita' legislativa  nei confronti del paese verso il quale si intende effettuare l’esportazione (nel nostro caso verso la Federazione Russa). Tra il nostro governo e la Federazione sono stati siglati vari accordi e memorandum d’intesa  allo scopo di creare un albo degli esportatori autorizzati da e verso la Federazione Russa.

In linea  generale per l’esportazione di prodotti alimentari (includendo quindi anche le esportazioni verso la Federazione Russa) è necessaria la conformità alle disposizioni in materia di igiene degli alimenti vigenti nel paese esportatore nel nostro caso dunque il rispetto dei Regolamenti (CE) N. 852/2004 e 853/2004 che rappresentano il requisito di base per poter esportare a prescindere dal paese di destinazione.  In base a tali regolamenti risulta necessario, ad esempio, per il produttore, garantire la tracciabilità dei prodotti; un tracciabilita' che va dall’origine della materia prima fino al tavolo del consumatore in modo che ,nel caso si verifichi  un pericolo in un lotto di produzione, è dunque risulti necessario che questo venga bloccato prima che arrivi sulla tavola, l’applicazione di apposite procedure consentiranno  di rintracciare il prodotto immesso in commercio e di ritirarlo, anche nel caso di prodotti esportati in altri Paesi.

Oltre alle normative comunitarie bisogna pero' rispettare le normative richieste dal paese di importazione delle merci del quale molte volte si sa’ ben poco se non addirittura nulla. Da qui l'accordo per la creazione di un elenco degli esportatori verso la Federazione Russa che prevede il rilascio da parte di enti italiani (ASL) di tale possibilita' nonche' la facoltà degli enti russi di controllare e confermare tramite visite e richieste di conferma pena cancellazione delle aziende.

L’adeguamento del proprio processo di produzione verso il paese di destinazione dei nostri prodotti risulta spesso determinante per le vendite future all’interno della Federazione Russa.

Suddividendo i prodotti per categorie di appartenenza possiamo distinguere l'introduzione nelle liste in:

Carni e prodotti a base di carne

Nel caso della Russia è ammessa l’esportazione di carni bovine, suine, equine, di pollame solo da un limitato numero di stabilimenti individuati dalle Autorità russe sulla base di memorandum firmati con la UE; non ci sono limitazioni per i prodotti a base di carne.

Altri prodotti di origine animale

I prodotti a base di latte rappresentano una categoria di prodotti largamente esportata in numerosi Paesi terzi e senza specifiche limitazioni.

Prodotti alimentari di origine non animale

La Russia richiede di fatto l’assenza di residui di fitofarmaci sui prodotti ortofrutticoli freschi. Ciò comporta un forte ostacolo all’esportazione, in quanto le norme comunitari consentono limiti di tolleranza compatibili con trattamenti eseguiti nel rispetto di quanto prescritto per i singoli principi attivi e di buone pratiche di coltivazione. Sempre con Russia sussistono problematiche correlate all’esportazione di prodotti composti contenenti ingredienti di origine animale (ad esempio il gelato): le norme comunitarie considerano i prodotti composti tra quelli disciplinati dalla norma generale (Regolamento (CE) 852/2004) e quindi non soggetti a controllo veterinario. I russi invece richiedono per tali prodotti la certificazione veterinaria.

Gli esempi di sopra ci fanno sicuramente notare come , a prescindere dalle competenze della ASL nel rilascio degli stessi,  per una effettiva introduzione nel mercato russo dei propri prodotti bisogna soddisfare anche la legislazione della Federazione Russa sia nella normativa sia nella produzione.

Proprio in quest’ambito si svolge la nostra attivita’ che vertera’prevalentemente  quindi nell’adeguamento della vostra produzione alle normative della federazione russa garantendo l’inserimento nella lista degli esportatori riconosciuto dalla Federazione Russa, superando brillantemente l’eventuale controllo del Rossel’khoznadzor (cosi come privisto dal punto 7 del memorandum d’intesa del 2008) ed evitare la cancellazione della propria azienda dalle liste.

I settori d’attivita’ per i quali si puo’ richiedere l’inserimento nelle liste degli esportatori verso la Federazione Russa ottenibile tramite la nostra azienda sono i seguenti:

  • Adeguamento e consulenza per l’inserimento nell'elenco degli operatori autorizzati per la Federazione Russa settore settore: Animali Vivi
  • Adeguamento e consulenza per l’inserimento nell'elenco degli operatori autorizzati per la Federazione Russa settore settore: Prodotti Animali non destinati al consumo umano.

  • Adeguamento e consulenza per l’inserimento nell'elenco degli operatori autorizzati per la Federazione Russa settore settore: Carni e Prodotti a base di carni.

  • Adeguamento e consulenza per l’inserimento nell'elenco degli operatori autorizzati per la Federazione Russa settore: Latte e prodotti a base di latte.

  • Adeguamento e consulenza per l’inserimento nell'elenco degli operatori autorizzati per la Federazione Russa settore: Altri alimenti

  • Adeguamento e consulenza per l’inserimento nell'elenco degli operatori  autorizzati per la Federazione Russa settore: Mangimi.

In base alle variazioni doganali susseguite dal 1 luglio 2010 e che vedranno la formazione di una nuova entita geopolitica denominata EivRaZes (unione doganale formata da Russia, Bielorussia e Kazakistan) il nostro percorso di adeguamento sara’ finalizzato all’ottenimento dell' introduzione nell'elenco unico per i tre paesi.

Per informazioni contattaci oppure guarda la pagina dei nostri clienti nel campo delle certificazioni Gostr, RTN, Sanitarie rilasciate per la Russia.

Sportbook gbetting.co.uk/sport free bets and sign-up bonuses.

Utilizziamo i cookie per offrirti un servizio migliore e personalizzare la tua esperienza. Se continui nella navigazione ci autorizzi all’uso dei cookie, altrimenti puoi sempre decidere di accettarne solo alcuni o non accettarne affatto.